The bedrock principles of airmanship

bedrockprinciplesairmanship

flags_of_United-Kingdom
[…]
Considers first the bedrock principles of airmanship, discipline, skill, and proficiency. Tasked with developing a new aviator, the instructor’s first challenge must be to build a disciplined aviator, which implies enforcing belief and practice of high standards and fostering an uncompromising attitude towards bending the rules. Too fast or too steep on final is not acceptable. Discipline considerations demand the student be taught to recognize the need for and execute a go-around, every time. Self-assessment of skill and proficiency may require the instructor to ask “Can I do this?” or, perhaps, “Have I done this recently?”. But the instructor should seldom debate, “Should I do this, is this student’s action acceptlable?”. These decisions should be set in stone long before they actually occur.
The bedrock principles of airmanship should prevent instructors from intentionally pushing the envelope in training. The model should shape ways of thinking in both instructor and student that constantly complement airmanship and flight disciline.
Instructor/student relationship require progressive develpment and individual philosophy. The new student begins training in a tourist capacity, watching instructor demonstations with naive amazement. The student role quickly expands to participating in a part-task execution of maneuvers. Eventually, the student conducts most of the sortie with limited instructor guidance. This envolving student maturity of skills and responsability requires a dynamic and complementary relationship with the instructor. Throughout the training process, the student transitions from a passenger to pilot in command. The instructor must complement this transition and evolve with the student.
(to be continued)

flags_of_Italy
Considera i principi fondamentali dell’abilità al volo: disciplina, abilità e competenza. Quando l’istruttore ha il compito di formare un nuovo allievo, il primo obiettivo è quello prepararlo ad essere disciplinato, il che implica la convinzione e la pratica di alti standard, promuovendo un’attitudine al rispetto delle regole. Un avvicinamento troppo veloce e ripido non è accettabile. La disciplina impone allo studente di riconoscere il bisogno e la necessità di eseguire una riattaccata in ogni istante. Un autovalutazione da parte del l’istruttore dovrebbe far sì che egli si chieda se in grado di fare questa manovra, oppure se l’ha eseguita recentemente. Queste decisioni dovrebbero essere formulate già in anticipo prima che queste accadano.
Le fondamenta dei principi dell’abilità al volo dovrebbero prevenire gli istruttori dal forzare l’inviluppo della sicurezza dell’addestramento. Il modello dovrebbe formare un modo di pensare sia nell’istruttore che nell’allievo di abilità e disciplina.
La relazione che si instaura tra allievo e istruttore richiede uno sviluppo progressivo. All’inizio l’allievo osserva l’istruttore con ingenuo stupore, quindi il ruolo dello studente ben presto diventa attivo partecipando all’esecuzione di determinate manovre, successivamente l’allievo condurrà la maggior parte delle uscite con un limitato supporto da parte dell’istruttore. Questa evoluzione comporta una relazione dinamica e complementare. Attraverso il processo di addestramento l’allievo passa da un ruolo di passeggero a quello di pilota ai comandi. L’istruttore deve partecipare a questa transizione evolvendosi a suo modo con l’allievo.

Nebbia in Val Padana

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...