Preparazione all’esame!

Prepallesame
[✈]
L’esame pratico per il conseguimento del brevetto PPL è la prima volta in cui un allievo si trova ai comandi di un aereo come pilota responsabile, pur sotto la vigile sorveglianza dell’esaminatore che avrà in ogni caso l’autorità sufficiente per prendere il sopravvento sulle decisioni dell’allievo. Resta il fatto che durante l’esame, l’allievo si comporterà a tutti gli effetti come PIC per dimostrare le sue capacità per il conseguimento del brevetto. Ogni allievo/pilota sarà particolarmente nervoso in quest’importante occasione, ma cosciente che la capacità di riuscire a controllare il proprio sistema nervoso è parte integrante dell’esame. Un commento ricorrente, al termine della prova è che se egli non fosse stato talmente nervoso, certamente la prova sarebbe stata più soddisfacente. Questa affermazione è un po’ inquietante sottendendo che l’allievo/pilota sarà sicuro di se e in grado di pilotare al meglio solo in totale assenza di situazioni stressanti, mentre è proprio in situazioni impreviste che un pilota deve mantenere il sangue freddo ed essere in grado di dare il meglio. Se in una condizione di forte stress, questa sottrae loro la capacità di condurre un volo in piena sicurezza, forse nel loro addestramento qualcosa va rivisto. Nessun esaminatore potrà rendere l’allievo talmente nervoso come un motore che inizia a perdere colpi. Ricorda che gli esaminatori nella valutazione dell’allievo vogliono capire anche la loro capacità di riuscire a gestire situazioni in cui è anche presente un fattore stressante, fattore inevitabilmente presente durante l’esame. Riuscire quindi a condurre un volo in perfetta sicurezza in tale situazione è essenziale per superare l’esame di pilota al comando. Tutti gli scenari visti in precedenza hanno lo scopo di combinare una manovra basica in una situazione in cui è prevista la necessità di prendere delle decisioni appropriate in relazione al particolare contesto.
Non è possibile pensare che l’allievo riesca ad eseguire una particolare manovra senza che questa sia stata provata durante l’addestramento, ne che un pilota sia capace di intraprendere le decisioni migliori senza averle prima affrontate. I piloti devono essere consapevoli che la capacità decisionale è solo parte dell’attività di volo, al pari di una qualsiasi manovra elementare come il volo livellato o la virata.

Il versante emiliano degli Appennini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...