Subgroup: Illogical Decision Makers/Good Decision Makers

4prof2sottogruppi(6)

flags_of_United-Kingdom
[✹]
Illogical Decision Makers
Many pilots when faced with a decision, will make an irrational or illogical decision. Once a pilot faced with an alternator failure in the clouds requested a holding pattern. One got lost on a cross-country flight. As the sun went down, the pilot decided to land in a field rather than at an airport that was 6 miles away. When under stress, pilots can make decisions that at the time seem perfectly sound but later loom to be illogical. Pilots who can be classified into the illogical decision makers group also display characteristics in common with either the snowball effect group or the nonassertive decision makers. Therefore the illogical decision makers are a subgroup because their illogical solution to the problem may have been their lack of assertiveness or workload saturation.
Good Decision Makers (but poor fliers)
This group of pilots is characterized by their lack of skill. They can be rough with the controls or at times it seems like the airplane is in control and that they are just along for the ride. For example, a pilot landing in a crosswind without taking crosswind corrective action and landing the airplane with a “side load” or even running off the side of the runway. They can make sound judgments and good decisions, but their lack of flying precision prevents them from ever using their judgment.

The grouping of pilots into categories should not be misunderstood. Remember that pilots are all human, and human performance will vary from day to day and even hour to hour. The characteristics descriptions of the pilot categories never represent a single pilot. The descriptions are a composite of many observations. Any pilot taken individually can have performance characteristics from several different groups.
So what is the value of grouping? It is very hard to solve problems and make improvements until you know what the problem is. As a pilot you know many of your own weak areas, and it is hoped that as you read about the different pilot categorties, you saw some of your own thoughts and actions played out. This means that you have further defined a problem or weak area. If you saw yourself in any, or all, of the pilot categories you saw some weaknesses, talk to your instructor and be specific about what you wish to work on during your next flight review or instrument proficiency check.
Being pilot in command is much more fun than flying around wishing you were in command! 

flags_of_Italy
“Decision Makers” irrazionali
Molti piloti quando chiamati a prendere una decisioni faranno una scelta irrazionale o illogica, come quel pilota che con un problema all’alternatore richiese di essere messo in una procedura di attesa, oppure l’altro che durante un volo di trasferimento ed essendosi perso, prossimo alle effemeridi, pensò bene di effettuare un fuoricampo, piuttosto che dirigersi verso un aeroporto distante 6 miglia. Quando sotto stress certe decisioni che al momento sembrano logiche, in seguito si rivelano come del tutto errate. Piloti che appartengono a questa categoria hanno in comune caratteristiche che distinguono sia coloro che appartengono ai gruppi “effetto slavina” che “decision makers passivi”, pertanto la categoria dei decision makers irrazionali è un sottogruppo poiché le loro illogiche decisioni alla soluzione dei problemi può essere la causa di mancanza di razionalità o piuttosto di saturazione mentale.
“Decision Makers” razionali (ma con scarsa attitudine al volo)
Questo gruppo di piloti si caratterizza per la loro scarsa abilità ai comandi di un’aereo, approssimativi nelle manovre, e imprecisi nelle procedure. Ad esempio, durante un atterraggio con il vento al traverso, non essere in grado di adottare la giusta tecnica e rischiare di atterrare fuori pista. A tal proposito esistono piloti che pur riuscendo a prendere le decisioni più corrette, la loro imprecisione ai comandi, gli impedisce di mettere in pratica le loro pur buone capacità di giudizio.

La definizione di tali categorie non deve essere male interpretato. Ricordandosi che le prestazioni dei piloti, in quanto esseri umani, possono variare a seconda delle giornate, se non addirittura di ora in ora. Le caratteristiche di queste categorie non rispecchiano mai un singolo pilota, bensì la sommatoria di molteplici osservazioni, in sostanza ogni pilota può riconoscersi attraverso caratteristiche che appartengono a più di una categoria.
Qual’ è quindi lo scopo di questa classificazione? È molto difficile prendere le decisioni più corrette e migliorarsi se non si conosce il problema. Come pilota, sei cosciente dei tuoi limiti ed è auspicabile che tu ti riconosca in una di queste categorie. Ciò significa prendere atto delle proprie carenze. Attraverso la conoscenza dei problemi che caratterizzano le categorie è possibile cogliere gli strumenti indispensabili per migliorarsi, tramite la nostra capacità critica. Se ti sei riconosciuto in una di queste categorie e hai individuato certe mancanze, parlane con il tuo istruttore chiedendogli, magari in occasione del prossimo check, di affrontare in volo situazioni che ritieni di dover migliorare.
Essere piloti in comando è molto più divertente che sperare di diventarlo col tempo!

Just departed runway 05.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...