Meteo spietato..

MeteoSpietato
Come scriveva Robert Buck l’autore di Weather Flying, il meteo ci può influenzare fondamentalmente in due modi: ci può impedire di vedere e può inficiare seriamente le prestazioni dell’aereo. Se le circostanze sono quelle giuste uno dei due modi ci può rovinare la giornata. L’aspettavo principale è che le nostre decisioni devono essere fatte con una solida conoscenza del meteo, aggiornate alle condizioni correnti e con una buona dose di scetticismo circa la fallibilità degli esperti. Poche altre situazioni mettono alla prova un pilota durante un avvicinamento strumentale con il meteo prossimo alle minime; disciplina, abilità, conoscenza di se stessi e dell’aereo, in sostanza una prova per piloti completi.
È necessario possedere certe informazioni fondamentali sull’evoluzione del meteo e conoscere questi aspetti critici poichè certe volte, in volo, ci è richiesto di essere in grado di formulare le nostre previsioni specialmente in relazioni a fenomeni locali come la nebbia, il windshear, e le correnti d’aria, è necessario quindi essere consapevoli del pericolo rappresentato da certi fenomeni, quali i temporali, le turbolenza e la formazione di ghiaccio. Dobbiamo conoscere la relazione esistente tra la temperatura è quella di rugiada e sapere che più la differenza è minima, più bassa in quota sarà la presenza di umidità nell’aria, e conoscere come il terreno può condizionare gli effetti atmosferici. È sì necessario raccogliere le informazioni dagli esperti delle previsioni meteo, ma soprattutto è indispensabile riuscire a capire queste informazioni che il meteorologo ci fornisce.
La meteorologia ha i suoi simboli e il suo linguaggio e può essere molto difficile al profano l’interpretazione senza un’adeguata preparazione. Tutti i piloti dovrebbero riuscire a leggere le carte del tempo, e capire la terminologia associata a queste: isobare, venti in quota, inversioni, ecc.
È bene ricordare un paio di semplici equazioni: Il mal tempo succhia carburante dai nostri serbatoi, quando si tratta di dirottare a un alternato o circumnavigare un temporale estivo, il cui naturale corollario è che la quantità di carburante è proporzionale alle opzioni. Meno carburante meno opzioni.
Robert Buck ci ha sintetizzato le sue conoscenze meteorologiche in 6 semplici passi:

“Weather and weather flying go like this: check what it is and what it is going to be, and then watch closely en route to see what it’s really doing. These are the steps:
1 get the big picture
2 digest the forecast
3 check what it’s been doing
4 get current information in flight and watch through the windshield
5 mix it all togheter for flight management
6 on the ground, after flight, look back and see what happened

Tutto ciò presuppone una attenta conoscenza del meteo e delle conseguenze di un incontro inaspettato. Il seguente caso illustra chiaramente l’importanza di un certo livello di preparazione e il pericolo di un’eccessiva overconfidence.
(segue)

Piccole formazioni nuvolose a bassa quota.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...