Programma motorio 2

Progmotorio2
[…]
Il programma motorio può determinare una qualsiasi attività senza per questo coinvolgere una reazione di tipo cosciente. Ciò significa che l’attività non richiede il coinvolgimento della decision-making centrale che rimarrà quindi libera per altri obiettivi. Programmi motori sono il risultato di particolari abilità come camminare, parlare, scrivere, andare in bicicletta ed eventualmente pilotare un aereo. Un bambino che apprende a camminare avrà la mente totalmente occupata in queste attività, e nient’altro potrà occuparlo. Una volta apprese, sarà in grado di svolgere contemporaneamente più azioni come parlare, magari lanciando in aria dei birilli. Quando un pilota durante l’istruzione è concentrato a imparare a condurre un aereo, la decision-making centrale sarà interamente occupata, senza spazio per altre attività quali la navigazione e le comunicazioni radio. Col tempo questa attività diverrà naturale, gestita dal programma motorio lasciando libera la decision-making centrale per obiettivi più impegnativi e di gestione più generica della situazione in corso. I programmi motori sono spesso iniziati dalla decision-making centrale ma una volta che la decisone è stata intrapresa il programma motorio si sostituirà a questa, gestendo l’attività. Ė possibile che una volta iniziato un determinato programma motorio, questo risulti errato in partenza, come camminare nella direzione sbagliata o togliere i flaps piuttosto che retrarre il carrello, soprattutto quando siamo ai comandi di un aereo con cui non abbiamo familiarità. I programmi motori hanno quindi bisogno di essere costantemente monitorati. Più di un pilota è arrivato corto in pista poiché il pilota ha distrattamente chiuso il correttore spegnendo così il motore, piuttosto che azionare la leva dell’aria calda… da qui la necessità da parte della decision-making centrale di monitorare costantemente l’attività del programma motorio durante le fasi critiche del volo, prima che la decisione venga intrapresa. Ad esempio, prima di retrarre il carrello sincerarsi che la mano sia impegnata sulla giusta leva. Errori dovuti alle abitudini come azionare le leve sbagliate sono più facilmente frequenti quando il pilota è stanco oppure sotto stress. Ricorda che esiste un livello di attenzione ottimale dove le performance saranno migliori. Questo è un ottimo motivo per non volare quando si è stanchi o particolarmente affaticati e prestare sempre attenzione a non trovarsi a gestire situazioni particolarmente complesse al di là delle proprie capacità. La fatica sarà responsabile di un impoverimento delle proprie performance e conseguentemente di una riduzione delle proprie capacità. Situazioni al di là delle proprie capacità potrebbero condurre ad una sovra-eccitazione e conseguente incapacitazione. Questi programmi motori sono il risultato di abilità acquisite ma se non messe in pratica con regolarità possono andare perdute con il risultato che queste dovranno essere gestite dalla decision-making centrale, la cui conseguenza sarà un deterioramento della performance, come nel caso di un musicista che non suona un pezzo musicale da tempo! Allena sempre le tue abilità!

Possiamo certamente far più di una cosa alla volta, grazie al programma motorio, ma possiamo pensare solo una cosa alla volta!!!
[…]

Nei paraggi di Volterra, pronti a rientrare.

 

Annunci

One thought on “Programma motorio 2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...