When you are uncomfortable, it is for good reason

SeNonSicuroMotivo

flags_of_United-Kingdom
Many pilots have had better than adequate training, others have good common sense, and most pilots have good common sense. During training, all these features come together to create a comfort level in the consciousness of the pilot.
Comfort level is not a scientific expression that can be quantified, but can be defined as a “positive feeling”. You may have said, “I don’t have a good feeling about this.” That “feeling” is not always something that you can put your finger on, but you know something is just not quite right. Whenever you have that feeling -trust it!
That not-quite-right feeling may be your first warning that something, as yet hidden, is taking place. You have no evidence that points to anything specific, but you are just not comfortable. When this feeling hits, start looking around! Look at engines and systems, look at navigation frequencies and settings, look at instruments, and verify radios.
Sometimes that uncomfortable feeling comes from expectations. Maybe the controller has asked you to “keep your speed up” in order to fit into the flow of traffic at a time when you normally would be slowing down. Maybe you heard another airplane report on downwind when you are already on the downwind leg.
Sometimes that uncomfortable feeling can come from being rushed either in the air or on the ground. Have you ever been in the middle of your pretakeoff checklist and looked back to see another airplane waiting behind you. Other pilots have ways of letting you know that they are ready to go and that your careful checklist is holding them up. They sometimes taxi up real close, or rev the engines several times, or even get on the radio and say, “How much longer are you going to be?”.  This pressure to hurry along can produce that uncomfortable feeling.  Trust your feelings! Do not get pressured into the air before you are ready.
Sometimes that uncomfortable feeling can be produced by another pilot that you are flying with. It is possible for two pilots in the same airplane to have a difference of opinion about a procedure. If you are ever with another pilot and you are not comfortable about how things are progressing, don’t be afraid to say, “You know, I’m not comfortable with..” It should not be a challenge against the other pilot, but might open their eyes to a problem that you see. Remember the example of the flightcrew that landed in Brussels instead of Frankfurt [✈]. During the flight one or more members of that crew became uncomfortable with one item or another, but at no time did any of them expressed their concerns.
If you think that something is not quite right, the chances are good that something is in fact not right.  Do not ignore your feelings. Trust your common sense.
In the aircraft we have warning lights and warning horns that are supposed to give us an early heads-up to a problem. Your comfort level should also be considered a built-in warning system for problems.

flags_of_Italy
Molti piloti hanno avuto un adeguato addestramento, altri sono prudenti e consapevoli delle proprie azioni, altri ancora hanno un ottimo istinto. Durante l’addestramento, tutte queste caratteristiche si incontrano per generare un adeguato livello di coscienza.
Questo livello di coscienza non è evidentemente qualcosa di quantificabile scientificamente, ma può definirsi come una “sensazione positiva”. Ti può essere capitato di dire: “ho una sensazione spiacevole”, oppure “ho come un presentimento”. È qualcosa di indefinibile che non può essere etichettato, è piuttosto qualcosa che non ti fa essere tranquillo. Tutte le volte che provi queste sensazioni..rifletti!
Questa sensazione di inquietudine può essere un campanello di allarme, qualcosa di ancora latente ma pronto a manifestarsi. Non hai nessuna evidenza di qualcosa che non va, semplicemente una piccola sensazione di “malessere”. Quando provi questa sensazione, guardati attorno! Ascolta il motore, osserva gli strumenti, controlla i parametri e le frequenze radio. Certe volte questo tipo di presentimento è qualcosa che è legato all’istinto. Magari l’addetto al traffico aereo ti ha richiesto di mantenere alta la velocità così da inserirti nel circuito di traffico dove altrimenti avresti configurato l’aereo rallentandone l’andatura. Magari hai ascoltato in frequenza un traffico riportare in sottovento nella tua stessa posizione. Solitamente tali “sensazioni negative” sono legate a situazioni in cui ti senti spronato ad affrettare i tempi. Ti sarà probabilmente capitato durante le check pre-volo di avere alle tue spalle un aereo già pronto che stà aspettando. Ci sono piloti, che quando pronti a muoversi dal piazzale, non esitano a farti notare che ti stanno attendendo, e la tua presenza è per loro un intralcio. Certe volte rullando si accodano dietro a pochi centimetri e in frequenza ti chiedono di quanto tempo hai ancora bisogno! Situazioni di questo tipo, in cui ti senti pressato nelle tue azioni possono ingenerare momenti di stress. Fidati delle tue sensazioni! Non affrettare i tempi prima di andare in volo!
Certe volte queste sensazioni sono causate dal pilota con cui stai volando. Può succedere di avere differenti opinioni riguardo a certe procedure. Se non ti senti perfettamente sicuro riguardo a certe scelte che vengono intraprese non avere paura a manifestare i tuoi dubbi. Non deve essere una sfida nei confronti dell’altro pilota, ma un’occasione per orientare l’attenzione su un eventuale problema. È noto il caso di un equipaggio che per errore atterrò a Bruxelles piuttosto che a Francoforte[✈]. Durante il volo si era verificato in più di un occasione che uno dei membri dell’equipaggio aveva avvertito questa sensazione di disagio, ma nessuno dei due aveva manifestato le proprie perplessità.
Se sei in disaccordo o non ritieni corrette certe scelte, le probabilità che qualcosa non stia andando per il verso giusto sono alte. Non ignorare le tue sensazioni. Fidati del tuo istinto.
In un aereo ci sono molti segnalatori acustici, considera tale anche il tuo livello di inquietudine.

On the route to Marina di Campo (Isola d’Elba) with D-EPRT.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...